Santander ha investito 350 milioni di sterline in Ebury

  • torna indietro
  • A proposito di Ebury
    Analisi del mercato valutario
    Chi siamo
    Chi siamo|Commercio Estero
    Finanza
    Frode
  • Latest

4 November 2019

scritto da
Lara González

• La partnership migliora ulteriormente la posizione di Santander come banca preferita dalle PMI che già commerciano, o che desiderano commerciare, a livello internazionale.

• Santander accelererà i piani di crescita di Ebury, un’azienda già attiva in 19 paesi, attraverso l’ingresso in nuovi mercati dell’America Latina e dell’Asia.

B
anco Santander ha annunciato oggi un investimento strategico di 350 milioni di sterline (circa 400 milioni di euro) in Ebury, azienda leader nell’offerta di transazioni internazionali per le piccole e medie imprese (PMI). L’investimento di Santander, coerente con la sua strategia digitale mirata ad accelerare la crescita tramite nuove iniziative, migliorerà la sua offerta di servizi commerciali globali e consoliderà ulteriormente la posizione di Santander come banca preferita dalle PMI che svolgono, o che desiderano svolgere, transazioni internazionali nei suoi mercati europei, americani e, successivamente, asiatici. Ebury, attiva in 19 Paesi e 140 valute, ha generato una consistente crescita media annuale dei ricavi del 40% negli ultimi tre anni.

Ebury, con sede nel Regno Unito, opera con una piattaforma internazionale esclusiva sostenuta da un business model data-driven, e propone un’esperienza cliente e un’offerta di prodotti ai vertici della categoria. La partnership consentirà a Ebury di migliorare la sua value proposition, sostenuta da un istituto finanziario leader. Santander serve più di quattro milioni di clienti PMI in tutto il mondo e oltre 200.000 di loro svolgono attività commerciali internazionali.

In base ai termini della transazione, Santander acquisirà il 50,1% di Ebury per 350 milioni di sterline, dei quali 70 milioni di sterline (all’incirca 80 milioni di euro) di nuovo capitale che servirà a supportare i piani di espansione di Ebury nei mercati di America Latina e Asia. La banca si aspetta un ritorno sul capitale investito (RoIC, Return on Invested Capital) di oltre il 25% nel 2024. Gli attuali investitori di Ebury, compresi i co-fondatori e il management, reinvestiranno nella transazione e l’attuale team dirigenziale rimarrà alla guida dell’espansione di Ebury.

Ana Botín, Presidente Esecutivo del gruppo Banco Santander, ha dichiarato: “Le piccole e medie imprese (PMI) sono il motore della crescita globale, creano nuovi posti di lavoro, contribuiscono fino al 60% dell’occupazione totale e fino al 40% del prodotto interno lordo nelle economie emergenti. Le PMI stanno divenendo sempre più globali e Santander è la banca che ricopre la migliore posizione per svolgere un ruolo leader nel facilitare il loro l’accesso ai mercati internazionali. Grazie alla collaborazione con Ebury, Santander potrà offrire alle PMI, in modo più rapido ed efficiente, prodotti e servizi a cui prima potevano accedere soltanto le grandi aziende”.

Juan Lobato e Salvador García, co-fondatori di Ebury, hanno dichiarato: “La combinazione di una grande banca e di un’agile fintech offre ai nostri clienti il meglio dei due mondi: possono trarre vantaggio dalla nostra tecnologia e dai servizi di alta qualità in modo sicuro, con la garanzia di avere come controparte uno dei più importanti istituti finanziari del mondo. È un momento davvero entusiasmante per Ebury; abbiamo appena completato la nostra prima acquisizione, e il nuovo capitale proveniente da Santander e dagli attuali azionisti ci permetterà nuovi investimenti per fornire servizi alle PMI che operano a livello internazionale e per continuare a crescere mantenendo la nostra cultura imprenditoriale”.

Ebury è un operatore specializzato che offre un’ampia gamma di servizi di cambio valuta e pagamento a condizioni flessibili e competitive. L’ampia base di clientela include PMI, società di medie dimensioni, partner bancari e istituti finanziari non bancari. Ebury, con 900 dipendenti distribuiti in 22 uffici in 19 Paesi, offre una piattaforma tecnologica all’avanguardia e una cultura aziendale esclusiva, supportata dai co-fondatori di Ebury, che dall’inizio delle attività nel 2009 hanno raccolto oltre 134 milioni di dollari. Nel 2018 la società ha processato pagamenti per 16.7 miliardi di sterline per i suoi 43.000 clienti.

Ebury sarà in grado di fare leva sulle capacità, sul marchio e sulla rete di corrispondenti bancarie di Santander per creare nuove partnership bancarie. Santander trarrà maggiori vantaggi dalle opportunità di crescita relative alle transazioni internazionali delle PMI.

Sergio Rial, CEO di Santander Brasil e executive sponsor di Santander’s Global Trade Services, entrerà a far parte del consiglio di amministrazione di Ebury come presidente. Collaborerà a stretto contatto con l’attuale team di Ebury guidato da Juan Lobato e Salvador García.

Ebury continuerà a operare come unità indipendente, supportata dalla comprovata capacità di Santander di sfruttare la propria dimensione di gruppo per garantire crescita e sviluppo delle aziende nelle quali ha investito, come nel caso di Getnet, la controllata brasiliana della banca. Getnet, azienda di successo in Brasile, sta contribuendo alla costruzione della piattaforma Global Merchant Services, che sarà lanciata inizialmente in Messico, prima della successiva espansione in America Latina e in Europa. Santander, che collabora con 1,2 milioni di operatori commerciali globalmente e genera un fatturato di 150 miliardi di euro, è tra i 10 principali global acquirer per volume.

La banca sta offrendo alle PMI un numero sempre maggiore di soluzioni per facilitare la crescita e l’internazionalizzazione. Santander, insieme ad altre banche internazionali, ha lanciato ufficialmente all’inizio di questo mese il Trade Club Alliance, una rete globale unica di banche che intende semplificare gli scambi internazionali attraverso una piattaforma digitale innovativa.

Banco Santander (SAN SM, STD US, BNC LN) è una delle principali banche commerciali e retail, fondata nel 1857 e con sede in Spagna. Ha una presenza significativa in 10 mercati chiave in Europa e nelle Americhe ed è la più grande banca dell’eurozona per capitalizzazione di mercato. Il suo scopo è di aiutare le persone e le imprese a prosperare in modo semplice, personale ed equo. Santander sta costruendo una banca più responsabile e ha assunto una serie di impegni per sostenere questo obiettivo, tra cui raccogliere oltre 120 miliardi di euro di green financing tra il 2019 e il 2025, oltre a supportare finanziariamente oltre 10 milioni di persone nello stesso periodo. A fine settembre 2019 Banco Santander aveva 1,04 trilioni di euro di fondi dei propri clienti, 144 milioni di clienti, di cui 21 milioni fidelizzati e 36,2 milioni digitali (col 51% di clientela attiva), 12.700 filiali e 200.000 dipendenti. Banco Santander ha realizzato utili per 6.180 milioni di euro nei primi nove mesi del 2019, con un incremento del 2% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente.

Condividere