Rendi più sicuro il tuo computer

  • torna indietro
  • A proposito di Ebury
    Analisi del mercato valutario
    Chi siamo
    Chi siamo|Commercio Estero
    Finanza
    Frode
  • Latest

9 June 2020

scritto da
joanasaomiguel

Abbiamo notato che spesso i nostri clienti sono vittime di tentativi di frode a causa di account email poco sicuri.

E
’ da tanto che sentiamo parlare di sicurezza informatica: gli accorgimenti che riportiamo non propongono una soluzione al problema, ma servono a fare capire che aggiornare l’antivirus e le password potrebbe non essere abbastanza.

Vogliamo quindi condividere alcune pratiche che possono rendere più sicuro il tuo ambiente di lavoro online.

Se pensi che il tuo computer o il tuo account email siano stati attaccati, contatta il tuo dipartimento IT o un esperto di cybersecurity.

1. Controlla il tuo Firewall

Se utilizzi Windows, vai nella sezione “Pannello di Controllo” e digita la parola “firewall” nella barra di ricerca. Assicurati che il Firewall sia su “attivato” o “connesso”. Se utilizzi un Mac, clicca sull’icona Apple nella barra degli strumenti e procedi su “preferenze del sistema” poi “sicurezza” e poi “firewall”.
Un firewall attivo e funzionante può essere un forte deterrente per i cybercriminali. Assicurati inoltre di condividere alcune delle tue cartelle solo sulla rete domestica. Se non hai bisogno che le tue cartelle siano visibili ad altri terminali, allora disabilita la condivisione di file e media.

2. Esegui un backup dei tuoi dati

Un backup ti può essere d’aiuto in caso di crash del computer o di blackout elettrico. Può anche essere utile in caso di attacco ransomware, in cui il cybercriminale cripta tutti i tuoi dati sensibili, ai quali non potresti più accedere se non pagando. Puoi fare il backup in totale autonomia, trasferendo i dati su un hard disk esterno.

3. Evita siti internet sospetti

Assicurati che ci sia il lucchetto verde nella barra di navigazione ed il prefisso”https://” all’inizio dell’URL, soprattutto quando visiti siti di banche oppure quando ti chiedono di inserire i dati della tua carta o quando ti colleghi alla tua casella di posta online. Fai attenzione quando fai shopping online, soprattutto da oltreoceano, e non cliccare sui link che ti arrivano tramite email: piuttosto, vai direttamente sul sito.

4. Non fidarti di ciò che sembra troppo bello per essere vero

Alcuni siti sono famosi per adescare clienti proponendo loro delle occasioni imperdibili e, dopo aver registrato i dati della tua carta, smettono di interagire con te. La tua identità potrebbe essere poi compromessa e potresti non avere l’articolo che hai comprato per dimostrare la truffa. Se sembra troppo bello per essere vero, probabilmente lo è.

5. Non condividere informazioni sensibili

Pensa bene a quali informazioni sensibili condividere. Sebbene sia noto che non si debbano condividere gli estremi della carta di credito se non su un sito particolarmente affidabile, è bene anche fare attenzione a quali informazioni condividiamo sui nostri profili social. Rivelare il nome da nubile di nostra madre o il nome del nostro animale domestico può portare al furto di identità. Con buona probabilità utilizzi quelli stessi nomi come risposte alle domande di sicurezza di altri siti.

6. Non aprire le mail degli sconosciuti

Non aprire mai le mail che arrivano da indirizzi sconosciuti o comunque sospetti e soprattutto non aprire gli allegati presenti in queste mail. Chiaramente, devi fare attenzione anche alle mail che arrivano da persone della tua lista dei contatti, specialmente se sai che il loro account mail è stato compromesso. A tal proposito, se ricevi una mail da qualcuno con cui parli abitualmente ma dal contenuto inusuale, cancella la mail ed avvisa la persona in questione che il suo account potrebbe essere stato compromesso. Questa pratica può aiutarti a prevenire attacchi di hacking e phishing ai tuoi danni.

Se riscontri delle attività sospette sul tuo account di Ebury Online o se sei stato vittima di una frode, scrivi a fraud@ebury.com o visita la nostra pagina Riconoscere le truffe per ulteriori informazioni.

Condividere