La sterlina guadagna terreno in attesa di un nuovo accordo da presentare al parlamento

  • torna indietro
  • A proposito di Ebury
    Analisi del mercato valutario
    Chi siamo
    Chi siamo|Commercio Estero
    Finanza
    Frode
  • Latest

21 October 2019

scritto da
Enrique Díaz-Álvarez

Chief Risk Officer at Ebury. Committed to mitigating FX risk through tailored strategies, detailed market insight, and FXFC forecasting for Bloomberg.

La settimana scorsa la politica ha dominato i mercati valutari, con le notizie positive sulla Brexit che hanno sostenuto la sterlina e le altre divise europee.

S
ebbene il pound abbia lasciato sul tavolo alcuni dei suoi guadagni nella sessione asiatica di domenica notte, è ormai chiaro che i mercati pensano che il rischio di no-deal sia decisamente più basso e che un accordo in Parlamento sia quantomeno possibile. Oltre ai movimenti sulla sterlina, la settimana scorsa ha visto un indebolimento del dollaro, con il trade-weighted US dollar index (una misura della performance del dollaro nei confronti di un paniere di valute), che si trova ora al di sotto di dove ha iniziato l’anno. In linea con le nostre previsioni, la debolezza del dollaro è stata anche conseguenza del recupero delle valute emergenti.

Questa settimana l’attenzione dovrebbe rimanere totalmente concentrata sugli sviluppi della Brexit, anche se avrà impatti anche qualsiasi novità sui negoziati USA-Cina. Il meeting della BCE e gli indici PMI dell’Eurozona di giovedì saranno gli appuntamenti chiave per quanto riguarda politica monetaria e macroeconomia.

EUR

Con pochi dati importanti dall’Eurozona, la valuta comune si è mossa contro sterlina e dollaro in risposta agli sviluppi della Brexit e al crescente senso di ottimismo sull’accordo commerciale USA-Cina. L’euro è decisamente rimbalzato dai suoi minimi di inizio ottobre e non è lontano dalla media degli ultimi tre anni rispetto al dollaro. Gli indici PMI rimangono i dati più importanti in uscita dall’Eurozona ed è del tutto possibile che il recente ottimismo sulla Brexit possa portare qualche sorpresa positiva. Ci aspettiamo poche notizie dall’ultimo meeting della BCE questa settimana, l’ultimo prima che Mario Draghi passi il testimone a Christine Lagarde.

USD

La debolezza del dollaro continua ad essere causata da una combinazione di ottimismo degli investitori e aumento della propensione al rischio a livello mondiale. Inoltre, le deboli vendite al dettaglio della scorsa settimana e una serie di dati di secondo livello hanno contribuito ad indebolire ulteriormente la valuta. Non ci sono molti dati rilevanti in calendario per questa settimana quindi prevediamo che il dollaro continuerà ad essere influenzato da notizie esterne, in particolare, dalle evoluzioni sulla Brexit.

GBP

Nel fine settimana in parlamento non si è votato sul nuovo accordo Brexit di Boris Johnson. I deputati invece, hanno costretto il primo ministro a chiedere una proroga. In queste ore l’Unione Europea sembra pronta a concedere una richiesta di proroga di tre mesi se l’accordo non avrà l’approvazione parlamentare. Riteniamo che l’estensione della Brexit, seguita da elezioni generali, continui ad essere l’esito più probabile e che la possibilità di un secondo referendum con “Remain” tra le opzioni, non possa essere esclusa.

Condividere