Evoluzioni politiche positive stabilizzano l’euro

Enrique Díaz-Álvarez02/Jul/2018Analisi del mercato valutario

La settimana per dollaro, euro e sterlina è stata volatile. Dapprima, l’apprezzamento del dollaro è stato la conseguenza dell’avversione al rischio che ha travolto i mercati alla notizia che Trump stava prendendo in considerazione delle restrizioni sugli investimenti cinesi. L’euro ha subito un’ulteriore svalutazione data dalla paura che un mancato accordo sui migranti avrebbe potuto scardinare la coalizione di governo tedesca guidata da Angela Merkel. La notizia sul raggiungimento di un accordo insperato, insieme all’indice IFO tedesco risultato particolarmente positivo, ha facilitato verso la fine della settimana un rimbalzo dell’euro, che ha portato la moneta unica a rimanere invariata rispetto ai livelli d’inizio settimana, con la sterlina in una situazione analoga.

La peggior performance della settimana è stata quella del dollaro Neozelandese, che ha perso oltre il 2% in seguito alle preoccupazioni della Banca Centrale sui rischi di rallentamento dell’economia.

L’attenzione questa settimana sarà focalizzata su i Non Farm Payrolls(NFP) in uscita venerdì negli Stati Uniti. La sterlina potrà essere sostenuta dagli indici PMI UK sull’attività economica in uscita nella giornata di oggi e di mercoledì, mentre martedì avranno luogo le riunioni della Banca Centrale Australiana e Svedese.

EUR

L’accordo dell’Unione Europea sulla politica dei migranti ha fornito un sostegno assolutamente necessario per la moneta comune. Tuttavia, la notizia di domenica sera riguardante i cristiani sociali bavaresi, i quali richiedono che i migranti  registrati in un altro paese debbano essere respinti al confine (in violazione dell’accordo di Schengen), minacciano di nuovo la coalizione di governo tedesca. In assenza di rilevanti notizie economiche o di politica monetaria dall’Eurozona, eccetto quelle riguardanti gli ordini manifatturieri tedeschi di giovedì, le notizie politiche saranno i driver del mercato di questa settimana.

USD

Le notizie economiche negli Stati Uniti sono state inferiori alle attese nelle ultime settimane. È ancora presto per attribuirgli un significato, ma la mancanza di una reazione nel dollaro USA significa che probabilmente sarà vulnerabile a qualsiasi sorpresa al ribasso proveniente dal rapporto sugli NFP in uscita venerdì pomeriggio, date le aspettative generali per un dato forte. Altrettanto importante sarà la pubblicazione dei verbali dell’ultimo incontro della Federal Reserve in uscita giovedì.

GBP

Una settimana molto tranquilla senza particolari sviluppi sul fronte delle notizie economiche sui negoziati Brexit ha fatto sì che la sterlina seguisse da vicino i movimenti dell’Euro contro le divise non Europee. Gli scambi di questa settimana saranno guidati dall’uscita degli indici PMI delle attività commerciali nella giornata di lunedi e mercoledi. C’è una buona possibilità che le notizie economiche provenienti dal Regno Unito continuino a sorprendere al rialzo. Se così dovesse essere, ci aspettiamo un significativo rally della sterlina sia contro l’euro che contro il dollaro.

stampa

Scritto da Enrique Díaz-Álvarez

Direttore Rischi presso Ebury. Deciso a mitigare il rischio di cambio tramite strategie personalizzate, specifiche analisi di mercato e accurate previsioni valutarie per conto di Bloomberg